La Scienza che Aiuta. Bios⁺ si presenta

Da sinistra, Carlo Catapano (IOR), Boas Erez (USI), Gabriele Gendotti (IRB), Franco Cavalli (IOR), Mario Branda (Sindaco di Bellinzona) e Davide Robbiani (IRB)
Da sinistra, Carlo Catapano (IOR), Boas Erez (USI), Gabriele Gendotti (IRB), Franco Cavalli (IOR), Mario Branda (Sindaco di Bellinzona) e Davide Robbiani (IRB)

Servizio comunicazione istituzionale

15 Settembre 2021

Il polo di ricerca biomedica nella Svizzera italiana si consolida ulteriormente con la creazione del Bellinzona Institutes of Science (Bios⁺), l'associazione sine lucro istituita lo scorso 21 luglio 2021 dalle rispettive Fondazioni dell'Istituto di ricerca in biomedicina (IRB) e Oncologico di ricerca (IOR) allo scopo di sostenere e coordinare le attività di ricerca scientifica e di insegnamento dei due Istituti in vista della costituzione di un Centro di ricerca a livello nazionale e internazionale a Bellinzona, nonché di ottimizzare le sinergie in ambito scientifico, organizzativo e amministrativo.

L'associazione Bios⁺, che avrà sede nella futura struttura condivisa da IRB e IOR in Via Chiesa a Bellinzona, è stata presentata in conferenza stampa lo scorso 15 settembre presso l'attuale sede dell'IRB. Nel suo intervento, il Rettore dell'USI e membro del Comitato direttivo Bios⁺ Boas Erez ha espresso soddisfazione per la dinamica di sviluppo coordinato che si sta delineando in vista della creazione di un polo di ricerca biomedica strutturato a Bellinzona", sottolineando l'importanza di avere "accordi chiari tra tutti gli attori coinvolti su questioni che vanno dalla condivisione delle strumentazioni alla definizione delle strategie, con l’obiettivo di garantire un uso ragionato delle risorse e un posizionamento chiaro del polo nel panorama svizzero e internazionale". Per Erez, la creazione dell’associazione Bios⁺ su iniziativa dei due Istituti IRB e IOR, affiliati all’USI per il tramite della Facoltà di scienze biomediche, "è certamente un passo nella giusta direzione. Il nuovo stabile, che accoglierà anche ricercatori dell’Ente Ospedaliero Cantonale EOC, sarà un luogo privilegiato per favorire l’integrazione della ricerca sviluppata anche dalle ricercatrici e dai ricercatori della Facoltà di scienze biomediche dell’USI”.

Nel suo intervento di apertura, il Presidente della Fondazione IRB e di Bios⁺ avv. Gabriele Gendotti ha illustrato le ragioni per la costituzione dell'associazione: "IRB e IOR, istituti affiliati all’USI, in questi ultimi anni hanno intensificato, progressivamente e in maniera importante la loro collaborazione, sul piano sia scientifico sia organizzativo, ragione per cui si ritiene che si debbano dare delle strutture comuni per ottimizzare e consolidare questo processo, non solo di avvicinamento, ma anche di gestione della quotidianità nel lavoro di ricerca svolto sotto lo stesso tetto e con obiettivi comuni. Inoltre, perché IRB e IOR, in sintonia con le strategie della politica universitaria dell’USI e della sua Facoltà di scienze biomediche, non si vogliono accontentare dei già ottimi risultati ottenuti progressivamente, passo dopo passo, in questo ventennio di successo, come testimoniato dall’ottenimento di fondi competitivi per la ricerca nazionali e internazionali e con pubblicazioni sulle più autorevoli riviste scientifiche a livello globale".

Dal canto suo, il Presidente della Fondazione IOR e vice presidente di Bios⁺ Prof. Dr. Franco Cavalli ha dichiarato che "per lo IOR, che si trova ancora in una fase di crescita, la creazione di Bios⁺ rappresenta un balzo in avanti fondamentale in quanto garantirà un numero crescente di sinergie, non solo organizzative ma soprattutto scientifiche con i ricercatori di IRB. Da diversi punti di vista difatti i temi di ricerca sono diventati ultimamente spesso abbastanza comuni. Siamo anche convinti che la creazione di Bios⁺ rappresenterà un elemento essenziale nel fare del centro di ricerca biomedica di
Bellinzona un elemento essenziale nel settore della ricerca di base e traslazionale delle scienze della vita, non solo al livello nazionale ma anche sul piano internazionale".

In allegato la cartella stampa completa, con le dichiarazioni di Davide Robbiani e Carlo Catapano, risp. direttore di IRB e IOR, così come del Sindaco di Bellinzona Mario Branda.

Per ulteriori informazioni: https://biosplus.ch/it/

Il servizio de Il Quotidiano, RSI La 1, 15.9.2021